🌨️ PREVISIONI PER VENERDÌ 1 FEBBRAIO 🌧️

IN ARRIVO UN PEGGIORAMENTO CORPOSO, PIOGGIA IN PIANURA E NEVE IN MONTAGNA.

Bentrovati amici di Serenissima Meteo, siamo ormai al cospetto di un importante peggioramento delle condizioni atmosferiche capace di apportare precipitazioni significative. (allegata la carta di previsione ECMWF)
I primi fenomeni, come potete osservare sulle carte di previsione allegate (modello NMM2), mostrano in prevalenza carattere piovoso in pianura fin da subito, ovvero dalla tarda serata o prime ore della prossima notte.

La colonna d’aria che sovrasta il nostro territorio tuttavia potrebbe ancora permettere qualche caduta di neve nelle prime ore di questa fase instabile eventualmente grazie all’intensità dei fenomeni (in grado quindi di strutturare la porzione più bassa della colonna, quella più danneggiata dal mix temperatura umidità).
Se e SOLO SE, le precipitazioni saranno sufficientemente intense vi sarà questa eventualità (con conseguenti possibili accumuli solo temporanei e locali) si potrebbe osservare per l’ultima volta di questa fase fredda, qualche fiocco di neve.

Da metà nottata, e via via sempre più velocemente in mattinata, la quota neve tenderà ad alzarsi sulle nostre prealpi e, più lentamente, anche sulle Dolomiti.
I fondovalle più riparati potrebbero mantenere condizioni favorevoli alla neve per più ore (specie quelli dolomitici) prima di capitolare alla pioggia.

Pioggia che, nel corso di venerdì pomeriggio e sera, raggiungerà anche le località poste sull’altopiano di Asiago tra 1000 e 1200 metri.
In pianura pioverà diffusamente e localmente in modo abbondante sui settori centro settentrionali e sulla fascia pedemontana. Con minore intensità sulla costa e pianure più meridionali.

Le temperature saranno ovunque in aumento e comprese tra i 1 / 5 di minima e i 7 / 10 di massima sulle zone pianeggianti.

Anche la giornata di SABATO 2 sarà inizialmente instabile con temperature in nuovo calo con conseguente quota neve che si abbasserà di quota.
Ma su questi dettagli ritorneremo al prossimo appuntamento.

Continuate a seguirci e condividete i nostri aggiornamenti.

Previsione a cura di Marco Rabito, Presidente di Serenissima Meteo.

♦️PREVISIONE PER GIOVEDÌ 31 GENNAIO♦️

🔹Buona serata a tutti gli amici di Serenissima Meteo, di seguito l’immagine all’infrarosso che mostra l’allontanamento del corpo principale della perturbazione che oggi ha apportato nevicate anche in pianura in Lombardia, Toscana ed Emilia, mentre, come descritto nell’ultimo aggiornamento del collega Jacopo Tessaro solo deboli piogge a tratti miste a neve hanno interessato la parte meridionale del Veneto ( fig 2 mappa isoiete ARPAV)

🔹SITUAZIONE GENERALE
Il Mediterraneo é governato da un complesso sistema depressionario, dopo il transito della perturbazione odierna é prevista per domani una tregua ( fig 3 mappa in superficie DWD), in attesa di una fase fortemente perturbata per la nostra regione che inizierá venerdí condizionando tutto il week-end ( fig 4 mappa 500 hPa ECMWF-Meteonetwork)

🔹PREVISIONE
Ancora copertura nella notte con possibilitá di brevi e modeste precipitazioni con pioggia mista a neve più probabili nel veronese, ma dal tardo mattino diminuzione delle nubi e in seguito anche parzialmente soleggiato, giá nel corso del pomeriggio, però, tendenza a cielo molto nuvoloso o coperto.
📍Temperatura minima tra 0 e +2 gradi, massime tra +4 e +6 gradi. Zero termico sui 500-600 metri. Venti deboli sudorientali

A cura di Paolo Frontero

▶️ PREVISIONE PER MERCOLEDI’ 30 GENNAIO ◀️

POSSIBILI EPISODI DI NEVE O PIOGGIA MISTA A NEVE ANCHE SU ALCUNE ZONE PIANEGGIANTI? ❄

💠 Correnti umide e fredde di origine artico-marittima continuano ad affluire sulla nostra penisola, causando un nuovo peggioramento del tempo specie sul nord-ovest Italia, con la formazione di un minimo depressionario sul golfo Ligure.
La nostra regione sarà in parte coinvolta in serata, dove saranno possibili delle deboli precipitazioni sui rilievi e zone pianeggianti del Veronese, Vicentino e Rodigino.

💠 Nel dettaglio:
Tra la notte e il primo mattino la nuvolosità andrà progressivamente aumentando a iniziare dai settori occidentali, fino a rendere il cielo molto nuvoloso o coperto, ma senza fenomeni associati.
Situazione immutata anche nel pomeriggo, dove però non si esclude qualche debole e sporadica nevicata sulle aree Prealpine centro-occidentali e pedemontane. Tempo ascitto sulle restanti zone.
In serata le precipitazioni potranno essere più diffuse e interessare maggiormente i rilievi Alpini e Prealpini, con deboli nevicate fino a fondovalle e accumuli mediamente intorno a 1-5cm.
Altre Precipitazioni, in risalita da sud/sud-ovest, tra la sera e la notte successiva potrebbero raggiungeranno anche il Veronese, Vicentino, Rodigino e parte del Padovano, dove anche qui potrebbero risultare localmente sotto forma di pioggia mista a neve. Eventuali accumuli saranno in genere scarsi.
Le temperature minime saranno comprese tra -1°C e 2°C, mentre le massime, causa la copertura nuvolosa non supereranno i 4°C/6°C.
La ventilazione sarà nord-orientale, generalmente di debole intensità, con locali rinforzi lungo la fascia costiera. In serata ruoterà da ovest.

🔴 Invitiamo comunque a rimanere aggiornati per possibili cambiamenti riguardo la distribuzione dei fenomeni e gli eventuali episodi di pioggia mista a neve sulle zone pianeggianti.

Mappa GFS per domani

Bollettino previsionale a cura di Matteo Moro.

➡️ PREVISIONE PER DOMENICA 27 GENNAIO ⬅️

TORNA UN PO’ DI PIOGGIA E NEVE A BASSA QUOTA.
LOCALMENTE NON E’ ESCLUSO QUALCHE FIOCCO ANCHE IN PIANURA.

◾ Nuovo debole peggioramento del tempo sul nostro territorio, causa il protendersi di una saccatura dal nord-ovest Europa fin verso la nostra penisola.
Questa saccatura andrà a generare un minimo depressionario sul golfo Ligure, che sarà alimentato da aria fredda e umida di origine Artico marittima.

◾ Nel dettaglio:
Nuovolosità diffusa ad alta quota transiterà sul nostro territorio tra a notte e la prima parte del mattino di domani.
Con il passare delle ore questà nuvolosità diverrà più spessa e compatta a iniziare dai settori occidentali, dove da metà giornata saranno possibili le prime deboli precipitazioni tra Veronese e Vicentino.
Nel corso del tardo pomeriggio-sera le precipitazioni si estenderanno progressivamente sul resto della regione, a esclusione del Rodigino, dove le pause asciutte prevarranno almeno fino alle ore serali.
Si tratterà di fenomeni principalmente di debole intensità sulla zone pianeggianti, fino a localmente moderati sulla fascia Prealpina, pedemontana e pianura limitrofa.
La neve potrà cadere sulle Dolomiti, Alpi e Prealpi fino ai fondovalle, mentre sui versanti esposti alla pianura potrebbe inizialmente essere oltre i 500-700m., per poi abbassarsi nel corso del pomeriggio-sera fino a raggiugere localmente le zone pianeggianti.
NECESSITANO ULTERIORI CONFERME, ma al momento non si esclude che episodi di neve o pioggia mista a neve potrebbero interessare le zone di pianura più vicine ai rilievi tra Vicentino e trevigiano, soprattutto durante i fenomeni più intensi.
Accumuli nevosi che sui rilievi e fondovalle potrebbero raggiungere i 10-15cm.
Le temperature minime in pianura saranno comprese tra -2°C e 0°C, con locali gelate, mentre le massime saranno comprese tra +3°C e +6°C
La ventilazione sarà settentrionale di debole a tratti moderata intensità, specie sulla medio-bassa pianura.

🔴 VI INVIATIAMO A SEGUIRE I FUTURI AGGIORNAMENTI RIGUARDANTI LA QUOTA NEVE, CHE POTREBBE SUBIRE ULTERIORI MODIFICHE.
Condividendo con i vostri amici questi post valorizzerete il nostro lavoro di volontariato.

Mappa ECMWF a 500hpa, Temperature-geopotenziali alla quota isobarica di 950hpa (500m. circa) e 850hpa (1500m.circa) del modello MOLOCH ECMWF e precipitazioni previste alle h.19:00 dal modello AROME.

Bollettino previsionale a cura di Matteo Moro.

PREVISIONI PER MERCOLEDÌ 23 GENNAIO 🌨️

L’ingresso di aria artica sul Mediterraneo alimenta una precedente circolazione di bassa pressione e ne favorisce un temporaneo rinforzo. Sul Veneto gli effetti saranno principalmente nubi abbastanza compatte ed estese con precipitazioni di debole entità e generalmente modeste, tuttavia nevose fino in pianura.

Per tutto il giorno il cielo sarà molto nuvoloso o coperto, salvo temporanee e locali aperture la sera sulle zone centro-settentrionali.
Le precipitazioni saranno presenti già nottetempo, di debole intensità e inizialmente sulle zone meridionali e centrali della regione, con alternanza di neve e pioggia mista a neve, questa ultima solo localmente. Col passare delle ore i fenomeni tenderanno a essere più diffusi, specialmente nelle prime ore del mattino e sono attesi quasi ovunque nevosi, tranne che vicino e lungo la costa meridionale. Dalla tarda mattinata e fin dopo mezzogiorno, col progressivo aumento della temperatura, le precipitazioni saranno probabilmente in forma di pioggia mista a neve o neve. Da metà pomeriggio i fenomeni tenderanno a scemare a partire da nord.

Gli accumuli saranno disomogenei sul territorio e spazialmente distribuiti secondo la disposizione delle bande convettive associate alle precipitazioni. Si tratterà comunque di non più di 1-5 cm di neve. Allo stato attuale sembra che i massimi di precipitazione siano concentrati sulla zona centrale della pianura e sul vicentino centro-meridionale. Sui colli Euganei e Berici è possibile anche qualche (1-2) cm aggiuntivo. È bene comunque ricordare che l’accumulo è fortemente dipendente dalla temperatura del suolo e in queste situazioni borderline la quantità di neve che cade (intesa come equivalente liquido in mm) può differire dall’accumulo.

Le temperature saranno nel complesso stabili in pianura con valori massimi in diminuzione. In montagna invece saranno in calo entrambi gli estremi.
I venti in pianura saranno dai quadranti orientali deboli o al più moderati. In montagna la ventilazione sarà prevalentemente debole da sudest.

Modello: AROME, COSMO EPS
Previsione: Francesco De Bon