PREVISIONE PER IL WEEK END 9-10-11 AGOSTO 2019

♦️AI “NASTRI DI PARTENZA” PERIODO CALDO E STABILE♦️

👉◾Come possiamo apprezzare da immagine METEOSAT di qualche ora fa in scheda 1, è evidente l’ennesima rimonta dell’alta pressione Africana che dai quadranti meridionali sta spingendo verso il bacino centrale del Mediterraneo ed il nostro Veneto.
L’estesa perturbazione visibile a ridosso delle coste Europee occidentali, non farà altro che solleticare la “bolla calda” in quota verso le nostre zone.
👉◾Almeno fino a LUNEDÌ quindi, entreremo per l’ennesima volta all’interno di un periodo termicamente sopramedia e generalmente asciutto; osservare scheda 2.

👉◾Oramai è la tendenza di questa estate 2019 (e non solo) , fatta da forti ondate di calore e da acute parentesi temporalesche indotte da surplus di energia in atmosfera.
La figura stabilizzante chiamata Anticiclone delle Azzorre è “latitante” da parecchio tempo, quindi il “contatto” fra masse d’aria di natura diversa (Africano-Atlantico) contribuisce a generare i fenomeni estremi di queste settimane.

🔷DOMANI VENERDÌ cielo generalmente sereno o poco nuvoloso su tutto il territorio Veneto.
Probabilità di nubi basse solo all’alba su alcune zone della pianura e nuvolosità convettiva nel pomeriggio sulle Alpi, per il resto tanto sole.
Non possiamo tuttavia escludere, con possibilità bassa, alcuni scrosci di pioggia localizzati e temporanei sul Cadore.
📌In scheda 3 entità pluviometrica prevista.
Temperature che inizieranno a salire; minime in pianura fra 19/22 gradi e massime che sulle pianure interne del Veneto meridionale toccheranno i 33 gradi.

🔷SABATO giornata “fotocopia”, con ampio soleggiamento su tutti i nostri territori; solita attività cumuliforme sui settori Alpini, in un contesto generalmente asciutto.
Temperature che guadagneranno ancora qualche grado in entrambi gli estremi, portandosi ben oltre la media del periodo.
Di notte sui centri urbani non si scenderà sotto i 20 gradi, mentre nelle ore diurne si potrebbero registrare in pianura i primi 35 gradi.
Afa che inizierà a farsi sentire, in costante aumento nei giorni successivi.

A cura di Andrea Vigolo