TEMPO DISCRETO SABATO, PIÙ FREDDO E INSTABILE DOMENICA

Un fine settimana a due facce quello che si apprestiamo a vivere dal punto di vista meteorologico: spiragli di sole e temperature gradevoli SABATO, mentre molte nubi e ancora instabilità DOMENICA.

Ma vediamo con ordine:

La giornata di SABATO vedrà infatti il nostro territorio interessato da correnti in quota mediamente nord occidentali (figura 1), meno capaci quindi di produrre nubi e precipitazioni, tuttavia non si può escludere del tutto qualche rovescio o locale temporale, in particolare sui rilievi e zone interne della pianura per termoconvezione diurna (figura 2).
Ci attendiamo una giornata con ampi spazi soleggiati alternati ad annuvolamenti a tratti compatti (specie sui settori montani) segnatamente nel corso delle ore più calde.

Le temperature massime saranno ancora gradevoli e su valori attorno alle medie del periodo (tra i 20 e i 24 gradi in pianura).

La giornata di DOMENICA vedrà il nostro territorio interessato da flussi in quota che torneranno a disporsi da ovest-sudovest, più capaci quindi di produrre instabilità, supportati anche dall’ingresso di una massa d’aria nettamente più fredda che favorirà un netto calo termico, soprattutto sui settori centro orientali e sui rilievi (figura 3).
Si tratterà di una giornata con cielo nuvoloso o coperto fin dal mattino con fenomeni in genere di modesta entità sui settori pianeggianti occidentali e via via più consistenti verso est e sui rilievi.
Nel corso del pomeriggio, a partire da ovest, saranno possibili delle schiarite, alternate a nuovi addensamenti, anche di tipo cumuliforme, eventualmente associati a temporali (figura 4).

Le temperature si manterranno piuttosto basse per il periodo anche se nettamente disomogenee (il veronese potrebbe raggiungere i 17/19 gradi, il trevigiano potrebbe non superare i 15 nelle massime diurne.
Più freddo anche in montagna ove la neve potrebbe nuovamente scendere fino ai 1000/1200 metri sulle Dolomiti e sui 1500 metri sulle prealpi.

Analisi e previsione di Marco Rabito.