Previsioni per lunedì 21 e martedì 22 gennaio

Un centro di bassa pressione non molto strutturato condiziona il tempo sul Mediterraneo. Sul Veneto il suddetto è la causa del richiamo di aria moderatamente più fredda dall’Europa orientale. Mentre fino a Martedì compreso continuerà il clima secco, a partire da mercoledì le condizioni muteranno per l’ingresso di aria artica sul Mediterraneo. Di questo cambiamento comunque sarà dato risalto nei giorni a venire.

Lunedì 21

Al mattino il cielo si presenterà poco nuvoloso sulle zone centro-settentrionali mentre altrove gli spazi di sereno saranno meno ampi con nuvolosità temporaneamente compatta nelle zone più a sud. Non si esclude qualche nube bassa sul veronese e locali riduzioni della visibilità.
Al pomeriggio e alla sera il cielo sarà poco nuvoloso in genere sulle zone centro-settentrionali, con presenza di spazi di sereno anche ampi durante il pomeriggio. Verso sera anche sulle zone centro-settentrionali torneranno alcune velature di passaggio.
Le temperature saranno complessivamente stazionarie, con gelate anche diffuse al mattino.
La ventilazione sarà di debole intensità e dai quadranti orientali in pianura a partire dal primo mattino. In montagna la ventilazione sarà sempre debole ma dai quadranti settentrionali.

Martedì 22

Durante la giornata di Martedì la copertura nuvolosa aumenterà progressivamente col passare delle ore da sud, fino ad avere copertura quasi totale del cielo durante la sera. Le precipitazioni saranno praticamente assenti se non qualche debolissimo fenomeno di pioggia mista a neve o neve nel rodigino.
Le temperature saranno poco mosse nelle zone pianeggianti mentre prevarrà una diminuzione sulle zone montane.
La ventilazione sarà da nordest in pianura, sui rilievi invece dai quadranti settentrionali nelle prime ore del giorno poi da nordest.

Modello: AROME, COSMO
Previsione: Francesco De Bon